Pubblicato in: Portfolio

Quinto giorno di prigionia.

La giovane donna guardò fuori dalla finestra del soggiorno. Un cielo plumbeo faceva da sfondo a una città deserta. Nessun rumore a scuotere l’aria. Nessun segnale di vita. La quarantena del paese era arrivata al suo primo fine settimana e la surreale condizione umana del momento appariva ora ancora più drammatica in quella calma apparente che copriva inesorabile momenti un tempo dediti alla socialità, allo svago, alla gioia.

Poi – alle 12 in punto – la gente iniziò ad affacciarsi ai balconi. Chi con stoviglie e pentolame. Chi con tamburelli e nacchere. Chi con il solo uso della voce. Tutti iniziarono a rompere quel silenzio assordante con un assordante e scombinato chiasso.

Frastuono gratuito, incessante baccano, a voler dire: ci siamo! Andrà tutto bene.

Poi – alle 15 in punto – la gente si affacciò nuovamente. Stavolta stringeva lenzuola arcobaleno e applaudiva. Applaudiva forte.

Applausi scroscianti come riconoscimento verso chi così duramente stava tentando di tenere testa al nemico e portare in salvo il paese.

Poi – alle 17 in punto – la gente fece capolino ancora una volta. Questa volta con la mano sul cuore. Uniti da lontano, tutti insieme per l’inno di Mameli.

Poi, alle 18, si presentarono sui propri terrazzi con casse, microfoni e amplificatori. Fu la volta di Jovanotti e Viva la libertà.

Alle 18.30 intonarono Meraviglioso.

Nella versione di Modugno.

E poi in quella di Sangiorgi.

Alle 18.45 fu la volta di Azzurro.

Il pomeriggio è troppo azzurro.

Alle 19 tutti affacciati, di nuovo.

In mano birra e patatine per un aperitivo condiviso a distanza e via in coro con Viva l’Italia…l’Italia che res…..

Eeeeaaooohhh!!!

Eddai su!!

E mmo basta!

E va bene tutto. E va bene l’ottimisimo. E va bene l’Italia.

E va bene la pizza, il mandolino e trallallà….

…ma è la quinta volta che cerco di riaddormentare la bimba!!

Mannaggia a voi.

Mannaggia!

 

 

Risultato immagini per snoopy shh

 

Autore:

Stagista a tempo pieno. Giura che non se lo meritava.

41 pensieri riguardo “Quinto giorno di prigionia.

  1. fortunatamente nella mia zona non si sono azzardati a scassare … perché io amo la musica ma detesto che mi venga imposta. Ed inoltre in questo brutto periodo devo lavorare (a casa), non sono in vacanza. Quindi suonate per, ma in casa vostra, organizzate dei meeting musicali con skype, meet, zoom o quel che volete, ma non spaccate i maroni.

    Piace a 1 persona

  2. Ma che c’avete l’happy hour prolungato lì da voi?! Ma dove abiti, a Ibiza? 😀 No qui da me rompono solo alle 12 e alle 18 e quella che mostrano non è tanto voglia di vivere, ma di rompere le scatole per sentirsi vivi, che sono due cose ben diverse, secondo me in antitesi.. 😉

    Piace a 1 persona

  3. 😀 dalle mie parti non ho visto, né sentito alcunché, però è bella questa voglia di solidarietà verso chi sta facendo di tutto per debellare questa piaga… sei simpaticissima! Ti abbraccio ❤ Un bacino anche alla tua bimba ❤

    Piace a 1 persona

  4. Ti ringrazio per il follow, senza di quello non avrei mai scoperto come si arriva alla tua pagina!
    Mi hai fatto ridere molto, complimenti! aspetto volentieri il prossimo :’D
    Ma soprattutto, la bimba, alla fine, è riuscita a dormire?!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...