Pubblicato in: Portfolio

Quarantasettesimo giorno di prigionia.

Pilush non demorde dalla sua idea – in questa quarantena trascorsa nella casa in campagna dei Doduck genitori –  di darsi all’agricoltura.

Non sa però bene in che forma e – nel suo ingenuo entusiasmo da cittadino – alterna il desiderio di creare un orto, alla voglia di costruire un pollaio, al sogno di allestire un maneggio con sette cavalli, all’impellente necessità di metter su una vigna per vendemmiare.

Così si sveglia, ogni mattina, stra-propositivo e pronto a seguire le indicazioni della Doduck Mamma, padrona di casa, per mettersi a lavoro.

La Mamma, dal canto suo – incredula dall’avere finalmente a disposizione un aitante giovanotto pronto ad aiutarla – approfitta spudoratamente della volontà mista a indecisione di Pilush per incastrarlo nelle faccende contadine più improbabili.

Insomma, gli appioppa delle rogne assurde, spiegandogli che prima di fare qualsiasi cosa di più ardito, in campagna, deve partire dalle basi.

E così lui vorrebbe costruire case sugli alberi e lei lo mette a riordinare tutto il capanno degli attrezzi.

Lui vorrebbe creare piantagioni di pomodori e zucchine e lei lo mette a zappare la terra.

Lui vorrebbe salire su un trattore e andare a comandare. Lei lo obbliga, prima, a imbracciare il tosaerba e ripulire il giardino.

Oggi però, sarà che siamo qui da tre settimane, sarà stato il sole, sarà stata la Festa della Liberazione e la voglia di grigliata, lei ha pensato che fosse ormai pronto per superare il livello Principiante e lanciarsi in attività da vero esperto campagnolo.

L’ha dunque caricato a molla e spedito, ascia in spalla, nel boschetto dietro casa a recuperare un po’ di legna per il barbecue.

Neanche dieci minuti dopo, lui è tornato indietro, a mani vuote ma esaltato e con gli occhi che gli brillavano, gridando di aver scoperto che era esploso un albero. ‘Ché la chioma a terra e il cratere nel tronco parlavano chiaro! ‘Ché magari era stato un fulmine, ma più probabilmente un grande animale, che ne so, un cinghiale, o un orso!  Forse uno scontro fra grosse bestie feroci, insomma, qualcosa – o qualcuno – lo doveva aver urtato brutalmente fino a farlo brillare!

E la Mamma, la Mamma non ha impiegato più di trentina secondi per capire che non si potesse trattare di altro che di un albero caduto perché marcito alla base (niente mostri o eventi paranormali), e soprattutto che il ragazzo – nonostante le prime settimane di duro allenamento – fosse ancora chiaramente prematuro per concedergli una qualsivoglia ulteriore autonomia agreste.

 

Linus | Post Terms | Peanuts | Pagina 9

Autore:

Stagista a tempo pieno. Giura che non se lo meritava.

13 pensieri riguardo “Quarantasettesimo giorno di prigionia.

  1. è ancora lunga la vita del cittadino prima di convertirsi a fare il contadino, ma già la voglia di stare in campagna e impegnarsi attivamente è un primo passo. Chissà, quando avrà scoperto che gli alberi cadono anche per eventi naturali magari ritornerà con qualche pezzo di legna per accendere il fuoco… 😉

    Piace a 1 persona

  2. Un orticello tutto suo uno se lo può fare ed è parecchio utile e dà pure soddisfazioni. Purtroppo però campare di queste cose è difficilissimo, e occorre appoggiarsi a chi conosce molto bene la materia e le sue dinamiche.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...