Pubblicato in: Portfolio

Cinquantunesimo giorno di prigionia.

“Buongiorno cara cliente, come sta?”

“Buongiorno cara Doduck, non c’è male, dai, e tu?”

“Anche io non mi lamento, certo la situazione è quella che è…”

“Eggià…”

“Ma all’Azienda Ridens andiamo avanti con il lavoro.”

“Eh sì, beati voi. Noi che ci occupiamo di turismo, in questo periodo, invece, siamo proprio fermi.”

“Lo immagino, vi chiamavo anche per questo.”

“Ah sì?”

“Beh, sì, in questo periodo difficile volevamo farvi sapere che l’Azienda Ridens c’è, vive e soffre insieme a voi, e se può esservi d’aiuto, beh, ecco…”

“Oh, grazie, cara Doduck, ma ti dirò…”

“Si?”

“A dire il vero non ce la passiamo così male.

“Come no? Le attività non sono chiuse?”

“Sì, sì, ma qui siamo persone tendenzialmente ricche. Abbiamo tutti da parte un bel gruzzoletto, non sono certo questi pochi mesi di stop a preoccuparci.”

“Ah, beh, in tal caso…”

E poi ho sentito che a Lavorandia piove.

“Ehm, sì, in questi giorni sì.”

“Qui invece abbiamo un bel sole.”

“Ah. Buon per voi!”

“Inoltre abbiamo un sacco di verde, aria buona e il mare. Soprattutto il mare!”

“Oh, il mare…”

“Eh sì, il rumore del mare e il profumo di salsedine che si sente anche da casa. E voi, a Lavorandia, come fate senza mare?”

“Eh, guardi,… così…”

“Poi abbiamo un’ottima cucina a tenerci compagnia, la più buona del mondo.”

“Uhm.”

“E suoni, e colori, e la quiete, sì insomma – da addetta turistica non dovrei dirlo, forse – ma la quiete di questi giorni è impagabile, e senza lock-down a quest’ora saremmo invasi dal frastuono.”

“Lo immagino.”

“Insomma, Doduck, grazie del tentativo ma al momento il supporto dell’Azienda Ridens non ci serve.”

“Oh, beh, capisco…”

“Anzi, mi spiace un po’ per voi…

“Per noi?”

“Beh, sì. Ho avuto modo di riflettere tanto nell’ultimo periodo e ho capito di trovarmi nella parte giusta del mondo.”

“Per il mare.”

“Per il mare! E per tutto il resto. Insomma, mi sono più volte detta che, anche potendo scegliere, in caso di un’ulteriore necessità di quarantena mondiale vorrei trovarmi proprio qui. Ed è una bella consapevolezza, credimi.”

“Oh, lo credo bene.”

“Dico davvero! Non vorrei mai e poi mai trovarmi, per esempio, a Lavorandia.”

 

 

Charlie Brown, sighing, with the word 'sigh' surrounded by what ...

 

Autore:

Stagista a tempo pieno. Giura che non se lo meritava.

17 pensieri riguardo “Cinquantunesimo giorno di prigionia.

  1. Io sono fortunata, sto in una città di mare… per ora in terrazza quando c’è il sole, poi si vedrà… Però vorrei dire a chi sta a Lavorandia che qui trovare lavoro non è per niente facile, abbronzarsi non basta, nella vita! Non siamo ricchi, abbronzati quasi tutti.

    Piace a 1 persona

  2. Ho faticato a trovare il ritaglio di blog adatto a un grazie per il tuo gentile follow.
    Non che cercassi un posto all’ombra o al sole, al contrario, mi bastava anche uno spazio anche minimo dove arrivassero i tuoi occhi.
    Mi sono infilato qui che poi anche qui mica è stato facile arrivare.
    Insomma, col fiatone grosso, però ancora vivo, rinnovo il mio grazie.
    (Sarai mica un’appassionata di Linus&Co???)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...