Pubblicato in: Portfolio

Dilemmi genitoriali

“Ehi Doduck, io credo dovremmo cambiare casa.”

“Un attimo, Pilush. Cos’ha questa che non va? Ci è sempre piaciuta un sacco questa casetta…”

“Lo so, Doduck. Ma sono 60 mq, c’è solo una camera da letto e neanche uno sgabuzzino!

“Uhm.”

“Io non credo ci staremo ancora, quando arriverà il bambino.”

“Ok Pilush, ma io non credo riusciremo a trovare una nuova casa e a organizzare un trasloco, prima che arrivi il bambino. Mancano meno di sei mesi!”

“Uhm.”

“E poi penso che, almeno per il primo anno di vita, non gli servirà chissà quanto spazio, potrà dormire con noi.”

“Forse hai ragione.”

“Anche se,…”

“Anche se?” Continua a leggere “Dilemmi genitoriali”

Annunci
Pubblicato in: Portfolio

50 sfumature di rosso

All’Azienda Ridens nessuno sospettava niente. Della gravidanza, dico. Un po’ perché, in effetti, è ancora presto perché si intraveda qualcosa. Un po’ perché – ve l’ho detto – questi ultimi sono stati giorni frenetici fatti di chiusure di bilanci, di riunioni di fine anno, di cene di inizio estate, di clienti che vanno e che vengono, di caldo, stanchezza, zanzare e pensieri per la testa che ti portano lontano anni luce, solitamente su una spiaggia deserta a sorseggiare un drink.

E anche io, a dire la verità, mi guardavo bene dal dirlo o dal farlo capire in qualche modo. E non tanto per non attirare attenzione o per non affrontare il discorso con Capo Ridens che – poverino – potrebbe non prendere benissimo questa mia scelta a dir poco incresciosa per l’azienda.

No, dicevo, io temporeggiavo più che altro perché qualsiasi credenza popolare vagamente ricordata, pagina Google consultata o app per cellulare installata sconsiglia, da sempre e a gran voce, di rendere pubblica la notizia prima del compimento del terzo mese di gravidanza, pena una sorte tremenda per la futura mamma, il nascituro e tutta la dinastia.

Continua a leggere “50 sfumature di rosso”

Pubblicato in: Portfolio

Un uovo oggi o un pulcino domani

Pilush, sto male. Malissimo. Non credo riuscirò più ad alzarmi da questo divano.”

“Eddai, Doduck. Credevo le attività all’Azienda Ridens si fossero ormai un po’ rallentate,…”

“Sì, ma temo di aver accumulato così tanta stanchezza da essere tipo arrivata a un punto di non ritorno.”

“Sempre esagerata.”

“Ho mal di testa, mal di pancia, e..”

“…male di vivere.”

“Sì, anche. Sono uscita prima dall’ufficio e a malapena sono riuscita a pedalare fino a casa…”

“Ma scusa, non dovrebbe arrivarti il ciclo a breve?”

“Cosa vorresti dire, Pilush? Non provare a fare come quei maschi che riconducono qualsiasi malessere della donna alla sindrome premestruale. NON CI PROVARE!”

“Ok, ok. Dico solo che magari c’entra qualcosa con questa spossatezza, tutto qui.”

“Shhh, Pilush… Sto troppo male,…”

“Ok, Doduck. Cosa posso fare per te?”

“Un attimo, un attimo. Credo di dover vomitare.”

“Addirittura?”

“No, aspetta. Pericolo rientrato.”

“Doduck, vuoi che chiami un dottore?”

“Lascia stare, Pilush. Vorrei solo mi preparassi qualcosa da mangiare.

“Ah, ecco.”

“Eddai, ti dico che sto male! Evita il sarcasmo, almeno, no?”

“Va bene, Doduck. Che vuoi mangiare? Preparo un piatto di pasta? Vuoi una fettina di carne? Abbiamo anche delle verdure bollite, del formaggio,…”

“Pilush, mi viene da vomitare, ti ho detto!”

“Ok, Doduck. Senti, mi aspettano per gli allenamenti. Credo tu possa provvedere da sola al tuo sostentamento, stasera.

“No, Pilush! Aspetta, ti prego!  In frigorifero dovrebbero esserci ancora quei peperoni fritti. Potresti scaldarli e cuocerci dentro un ovetto? Ti prego!”

“Impossibile Doduck. I peperoni li ho fatti fuori oggi a pranzo.”

Li hai fatti fuori?

“Sì, Doduck, erano in frigo cotti da due giorni.”

“Hai fatto fuori i peperoni?”

“Già.”

Niente peperoni, e niente ovetto?

“Sì.”

“Ommioddio, Pilush. Sigh. E ora come, sigh, faccio, sigh, senza peperoni, stasera?”

“Doduck. Stai davvero piangendo perché ho mangiato dei peperoni?

“Sigh. No. Sigh.”

“Senti, Doduck, a proposito di ciclo…”

“Ancora stai lì a pensare al ciclo?”

“È solo che, ragiondandoci, non sono un po’ troppi giorni che mi dici che sta per arrivare?”

“Ti dico di smetterla, Pilush, sigh. Il ciclo non c’entra nulla in questa storia, sigh.

“Già, Doduck…”

“Sigh.”

“…in un certo senso, lo temo anch’io….”

 

 

– TO BE CONTINUED –

Linus pensieroso disegno da colorare gratis Charlie Brown Peanuts

 

 

 

Pubblicato in: Portfolio

Riprendersi giugno

Giugno arriva all’Azienda Ridens più frenetico che mai. È come se – complice l’inizio dell’estate, e la chiusura delle scuole, e il caldo che, si sa, dà alla testa – in questo mese il tempio del corporate, questa patria del rigore, questo santuario di scadenze e contratti, questa fortezza in cui per tutto l’anno si parla solo aziendalese, decidesse improvvisamente di cambiare aspetto e di iniziare a organizzare eventi e cene e invitare ospiti e a chiamare catering e a fare cose che – solo nella testa di qualche perverso capo – dovrebbero farci percepire come frizzanti e modaioli (sebbene mai ai livelli della Grande Festa Annuale di Primavera).

La verità è che a giugno inizia l’inferno. Eventi che richiedono la presenza in ufficio di noi poveri apprendisti dalle 8 di mattina alle 10 di sera, programmazione che dura settimane e poi ruoli che cambiano di minuto in minuto. Un momento ad accogliere gente all’ingresso, pubbliche relazioni a tutte le ore, e in un attimo ritrovarsi a servire porzioni di quinoa e succo d’ananas in terrazza o ad accompagnare in stazione qualche amministratore delegato pigro e il suo barboncino, mentre la mezz’ora di pausa pranzo a disposizione sfuma irrimediabilmente.

Le aziende festaiole per gli apprendisti sono il peggio del peggio che possa esistere, insomma.

Perché a festeggiare sono solo gli altri.

Mentre noi soccombiamo. Continua a leggere “Riprendersi giugno”