Pubblicato in: Portfolio

Trentaduesimo giorno di prigionia.

Oggi Puad – lo stagista cronico dell’Azienda Ridens – compie 30 anni. Li compie in quarantena, senza amici, senza speranza di uscire di casa per un sacco di altri giorni e con ancora un contratto di stage attivo. A 30 anni, per l’appunto!

Ma Puad – ve l’ho detto – non si fa certo abbattere da questioni che farebbero cadere chiunque altro nello sconforto più totale. No. Anzi. Stamattina ha contattato amici vicini e lontani chiedendo a tutti di tenersi liberi per la serata. E di vestirsi eleganti.

Stasera poi, intorno alle 20, ha inviato a ciascuno il link per connettersi a un mega videoparty in cui ci siamo presto ritrovati, un po’ spaesati, connessi in sincronia da ogni parte d’Italia.

C’erano i suoi amici del paese natio. Quelli della città dove ha frequentato il liceo. E di quella in cui si è trasferito per l’università. C’era qualche zio e cugino connesso da chissà dove e poi c’erano, ovviamente, un sacco di colleghi dell’Azienda Ridens, live da Lavorandia.

Il festeggiato ha aperto le danze con una bombetta colorata in testa e un bicchiere di succo di frutta alla pesca in mano. Poi ha preso a guardare in diretta un insieme di auguri-video che ciascuno di noi ha registrato a sua insaputa durante la settimana e che gli abbiamo inviato a sorpresa. Lo ha fatto puntandosi la webcam dritta in faccia così che, mentre lui guardava, noi non ci perdessimo nessuna delle sue memorabili reazioni. Stagista sì, ma un po’ egocentrico.

Ha poi proseguito il suo mega party di compleanno da vero one man show, raccontandoci barzellette e – ovviamente – vari aneddoti della sua (ormai) lunga vita.

Dopo quasi due ore siamo un po’ provati ma ancora tutti connessi.

E il festeggiato, al culmine dell’entusiasmo, ha appena annunciato che ora ci dividerà in squadre per partecipare a un mega quiz show con domande riguardanti lui e la sua esistenza.

Un sacco di squadre, per rispondere a un sacco di domande.

Insomma, qui la serata sembra andare per le lunghe.

Ché ve l’ho già detto: Puad è grassottello, fesso fesso, ma alla fine ha sempre un sacco di gente che gli sta appresso e pare volergli bene.

Snoopy & Peanuts - Auguri e Ricorrenze

Pubblicato in: Portfolio

Ben tornata, Doduck!

Ogni ufficio ha al suo interno diverse tipologie di dipendenti e fra questi non può mai mancare l’allegro cronico. Un po’ fricchettone, un po’ Peace&Love, un po’ volemose bene giacchè ci tocca passare tutte le nostre giornate insieme, su!.

Satti – ve ne ho già parlato – all’interno dell’Azienda Ridens è proprio questo.

È quella che arriva al mattino pedalando dopo essere già stata in piscina, a fare la spesa al mercato, e a pulire le strade di Lavorandia per riappacificarsi con il proprio karma. È quella che entra in ufficio e prima di accendere il pc annaffia le piantine del davanzale, prima di sedersi alla scrivania, ripone con cura nel frigorifero dello sgabuzzino le 7 pietanze bio diverse che si è preparata per pranzo. È quella che ti offre il caffè durante la pausa, che canta – a volte – per il corridoio, e che sorride a tutti anche mentre parla al cellulare in cortile.

Insomma. È quella presa bene. Continua a leggere “Ben tornata, Doduck!”

scorte esaurite

Uscendo dall’ufficio sono andata al mercato.

mi mancavano cipolle, arance e un po’ di serenità:

– mi dispiace, l’abbiamo finita.

– avete finito la serenità?

– sì.

– di gioia ne avete?

– finita anche quella.

– ah. niente serenità e niente gioia.

– no, purtroppo.

– spensieratezza?

– certo, spensieratezza ce n’è. Quanta gliene metto?

– faccia un etto, anche due.

– non è più in offerta, però.

– ah, niente offerta.

– terminava ieri. che faccio, lascio?

– no, grazie. a quel prezzo non posso.

– a posto così, allora?

– un attimo, come farò per la cena?

– beh, signorina, non saprei.

– ha almeno un po’ di allegria che mi salvi la serata?

– impossibile, l’allegria va sempre a ruba durante le feste.

– ecco.

– non ne riconsegnano prima di carnevale.

– niente allegria.

– no.

– nè gioia, o spensieratezza.

– sono mortificato.

– zero serenità.

– gliel’ho detto.

– ok, mia dia quel cavolfiore.

 

Risultati immagini per upset donald duck