Pubblicato in: Portfolio

Saper essere convincenti

Da circa un anno curiamo un progetto per un cliente con sede a trecento km da Lavorandia, cliente molto ostile per di più, che per ogni sopralluogo e valutazione vuole avere qualcuno di noi presente in loco in modo da poterlo spremere di persona e seduta stante, al sorgere della minima criticità.

Di solito è uno dei tre capi a immolarsi per la causa, ché per pezzi così grossi questo e altro, e ogni tanto serve anche metterci la faccia. Una certa faccia.

Beh, ieri invece qualcuno ha deciso che la faccia, tutto sommato, ce l’avrei potuta mettere anche io. E la cosa è andata più o meno così:

Continua a leggere “Saper essere convincenti”

Annunci
Pubblicato in: Portfolio

Difficile a immaginarsi

Io adoro la pioggia. Giuro. Adoro i temporali forti, quelli con tuoni, fulmini, vento, magari un po’ di grandine…

Adoro la pioggia, l’autunno e l’inverno. Adoro quei pomeriggi/serate in cui si è costretti a rimanere a casa, magari sul divano, magari con un film, o con un libro, sicuramente con il plaid e una tazza calda perché fuori sta diluviando. Una gioia, proprio.

L’estate, per dire, la trovo molto fastidiosa. L’afa, le zanzare, le notti insonni, la sabbia appiccicata sulla pelle, il sudore, il condizionatore rotto, i 40 gradi all’ombra, la macchina sotto al sole, le piante che si seccano, la frutta che marcisce, il turismo spinto e le mille foto di vacanze, l’ostentazione di gioia e divertimento. Insopportabile proprio.

A pensarci bene, giusto una cosa salverei dell’estate: i temporali estivi. Continua a leggere “Difficile a immaginarsi”

Pubblicato in: Portfolio

La fine. Inesorabilmente, la fine.

“Doduck, svegliati! Sono le 7!!”

“Impossibile Pilush, ho impostato non una ma due sveglie ieri ser…aaahh! OMMIODDIO Pilush. Sono le 7!!!! Com’è possibile?”

“Alzati, vestiti, sbrigati!!”

“Mannaggia Pilush, perché questo coso non ha suonato? Ehi, aspetta. È spento. Pilush! Il cellulare non si accende più.”

“Non può essere, Doduck, ti è già successo la scorsa settimana.”

“No, Pilush, quello era l’ALTRO cellulare. Ora sembra morto anche QUESTO.”

“Ahah, mi stai dicendo che hai fatto fuori due telefoni in 5 giorni?Continua a leggere “La fine. Inesorabilmente, la fine.”