scorte esaurite

Uscendo dall’ufficio sono andata al mercato.

mi mancavano cipolle, arance e un po’ di serenità:

– mi dispiace, l’abbiamo finita.

– avete finito la serenità?

– sì.

– di gioia ne avete?

– finita anche quella.

– ah. niente serenità e niente gioia.

– no, purtroppo.

– spensieratezza?

– certo, spensieratezza ce n’è. Quanta gliene metto?

– faccia un etto, anche due.

– non è più in offerta, però.

– ah, niente offerta.

– terminava ieri. che faccio, lascio?

– no, grazie. a quel prezzo non posso.

– a posto così, allora?

– un attimo, come farò per la cena?

– beh, signorina, non saprei.

– ha almeno un po’ di allegria che mi salvi la serata?

– impossibile, l’allegria va sempre a ruba durante le feste.

– ecco.

– non ne riconsegnano prima di carnevale.

– niente allegria.

– no.

– nè gioia, o spensieratezza.

– sono mortificato.

– zero serenità.

– gliel’ho detto.

– ok, mia dia quel cavolfiore.

 

Risultati immagini per upset donald duck

Annunci
Pubblicato in: Portfolio

Pensa a tutto lui.

“Pronto, Doduck? Allora, confermato, arriviamo lì da te il 31, saremo in dieci.”

“Ehi, pronto Pilush, aspetta. Come, il 31? In dieci? Dove?”

“Ma sì, Doduck, te ne avevo parlato il mese scorso. Mi sembrava fossi d’accordo all’idea di passare il capodanno a casa tua in campagna, con i miei amici.”

“Ma, Pilush, ne avremo parlato per sbaglio chissà quando. Poi tu sei partito per il mondo e…”

“Beh, ma ora sono tornato. Sarà una grande festa! Ho già pensato a tutto io.

“No, Pilush, un attimo. Qui a casa ci sono già i miei, ceneranno in sala con i loro amici.”

“Bello! Più siamo, più ci divertiamo!”

“No, temo tu non abbia capito. Loro saranno già un sacco di persone, non posso aggiungere altri dieci invitati, non credi?”

“Ah.”

“Dobbiamo trovare un’alternativa”

“Hai ragione, Doduck.”

“Devi chiamare subito i tuoi amici e dire che purtroppo…”

“Purtroppo… faremo il cenone nel seminterrato!

Continua a leggere “Pensa a tutto lui.”

Pubblicato in: Portfolio

Attività ricreative per bimbi irrequieti

Pilush è uno che si annoia facilmente.

Uno di quei ragazzi irrequieti che devono stare sempre in movimento, sempre impegnati a fare qualcosa, con la mente che vaga in continuazione, con le mani che non stanno dietro al cervello, con idee che non fanno in tempo a nascere e si susseguono senza sosta in un moto continuo.

È uno di quelli che da bambini scappano dalle mani della mamma e corrono da tutte le parti, si arrampicano sui muretti, stritolano gatti, attaccano bottone con i vecchietti e saltellano senza sosta sudati ma sorridenti. Uno di quelli che da adolescenti si inventano mille cose per riempire le giornate, mille attività che giurerebbero essere il loro futuro lavoro e che si legano a mille persone per condividere di tutto. Uno di quelli che da grandi continuano a entusiasmarsi, proporre e correre esattamente come prima.

Ebbene, avevo deciso di passare un weekend rilassante con Pilush nella casa in campagna dei Doduck Genitori. Due giorni di assoluto relax con il caminetto acceso, qualcosa di buono che bolle in pentola e nessuna attività programmata, nessun obbligo vero e proprio, nessuna necessità di “fare cose”, insomma, niente.

Beh, Pilush ha resistito mezza giornata circa. Continua a leggere “Attività ricreative per bimbi irrequieti”

“Bevi la coca cola che ti fa bene.”

Ieri sera sono stata al concerto di una cover band nazionale.
Premetto che io, del cantante in questione, devo essermi persa gli ultimi vent’anni di successi. Sono ferma al suo pezzo di esordio e per me tutta la sua opera magna avrebbe potuto concludersi con quella canzone.

Il resto è l’inferno.

Continua a leggere ““Bevi la coca cola che ti fa bene.””

Pubblicato in: Portfolio

Malinconico Blues

“Pronto Duduck, come stai?”

“Ciao Terin, qui bene. Voi dell’ufficio-di-là come state? E un po’ che non vi vedo..”

“Bene grazie, senti, scusa se ti disturbo, è che dovremmo chiederti una cosa..”

“Sì certo, dimmi Terin.”

Sai che Romtas manca da un po’ ormai, no?

“Sì certo.”

“Beh, ecco, noi avremmo il bisogno urgente di fargli avere dei documenti da firmare.”

“Ah, ok. E volete che glieli spedisca io?”

“No, ecco. Ci serverebbe che tu, sì insomma, che tu…glieli portassi.” Continua a leggere “Malinconico Blues”