Pubblicato in: Portfolio

Smuovere l’universo

Satti ha una teoria (che poi forse di Satti non è, ma di qualche monaco buddista erudito scalzo) che ci propina, in ufficio, come metodo assoluto per affrontare la vita e risolverne i problemi. Ha a che fare con l’universo e con il potere delle persone di smuoverlo a proprio favore (pur restando umili, si intende).

E la cosa, secondo Satti e secondo il suo maestro spirituale, funzionerebbe più o meno così: ogni qualvolta si abbia il desiderio che qualcosa accada, o che vada in un determinato modo, o che non vada in un determinato modo, o che una persona si faccia sentire, o che un bonifico atteso da mesi arrivi, insomma, ogni qualvolta si desideri qualcosa verso cui apparentemente nulla può la volontà umana, occorre pensare in modo intenso, energico e positivo a quella cosa/persona/bonifico.

Il pensiero, così assemblato, avrà il potere di far smuovere tutto l’universo intorno alla cosa desiderata e, alla fine, di far muovere la cosa stessa. E non è che voi avrete agito direttamente su di essa, ma avrete innescato una sorta di reazione a catena per cui poi, comunque, quella cosa accadrà proprio nelle modalità in cui voi l’avevate desiderata.

Insomma, Satti non solo sostiene a gran voce con tutti i colleghi questa teoria – che, a ben vedere, dev’essere per forza imparentata con la teoria del karma, del panta rei, del fatto che tutto scorre e poi ti torna indietro (tiè!) – ma cerca in particolar modo di indottrinare il povero Puad che, preso brutalmente di mira dalla sfiga stagistica, avrebbe in effetti proprio bisogno che l’universo facesse qualche passo in suo favore.

Poi si rivolge anche a me, cercando di scalfire il mio innato scetticismo. E io, che come sapete in quanto a sfiga non sto messa tanto meglio di Puad, devo ammettere che, rispetto alle altre folli teorie di Satti, questa dell’universo che balla mi suscita una certa curiosità.

E anzi, cara Satti, ti dirò di più. Ho ragionato un po’ sulle tue parole e credo di aver capito profondamente di cosa parli. Dev’essere qualcosa che ha a che fare con i cookies. Hai presente, no? I cookies, quegli algoritmi del web per cui, desiderando un paio di scarpe e andando a cercarne le informazioni un’unica volta online, poi vieni tempestata di immagini di scarpe, promozioni di scarpe, storie di scarpe, biografie di stilisti di scarpe, finché – senza neanche capire come o perché (quasi contro la tua volontà, giuro) – ti ritrovi davvero a compiere l’acquisto di quelle scarpe.

Beh, cara Satti, perdona davvero la mia blasfemia, ma credo si tratti esattamente della stessa cosa, credo anzi che i cookies sappiano smuovere l’universo meglio di qualsiasi monaco buddista erudito scalzo, ecco.

Io, fossi in te, chiederei delucidazioni al tuo maestro spirituale.

Chissà che non sappia di lontane parentele fra monaci eruditi e guru della silicon valley,…

 

pt_c160316.jpg

 

Annunci

Autore:

Stagista a tempo pieno. Giura che non se lo meritava.

35 pensieri riguardo “Smuovere l’universo

  1. Dunque è vero che hai i commenti abilitati. Dopo due anni su Wp non mi capacito come io possa continuare a fare questi errori. Dev’essere rimbambimento precoce.
    Anyway. Da questa teoria sembrerebbe che se uno è disoccupato o ha una qualunque altra sfiga, dipenda solo da lui perchè non pensa abbastanza che gli arrivi un lavoro. Di sicuro aspettare che qualcuno bussi alla porta per proporlo è improbabile ma altrettanto improbabile che tutto l’universo cospiri per soddisfare il desiderio solo perchè si è pensato. Isn’t il?

    Piace a 2 people

  2. L’esempio dei cookies è fortissimo! 😀 anch’io sono scettica riguardo questo pensiero, la fisica quantistica… però è una cosa che andrebbe studiata, ed io ultimamente mi ci sto imbattendo.

    Piace a 1 persona

  3. I cookies li conosco piuttosto bene, ma mai che una volta abbiano smosso qualcosa nel mio universo, anzi il biscottone mi ritorna sempre indietro 😂 mannaggia 😐 Forse dovrei indirizzarli sulla retta via invece che sulla via del retto, quasi quasi chiedo delucidazioni al santone di Satti 😎

    Piace a 1 persona

    1. Il santone di Satti non si è ancora espresso sulla faccenda cookies, ma sono sicura che deciderà presto di approfondire i suoi studi su queste forze oscure in grado di leggerti nel pensiero e postare ovunque contenuti di tuo interesse. Dunque, chiedi pure! 😀

      Piace a 1 persona

  4. In generale mi suona un po’ improbabile, e credo anzi di aver trovato una pesante eccezione: sono convinto che più si detesta una persona, più quella starà bene, il che potrebbe essere un utile stimolo a non odiare nessuno. Ma potrei anche sbagliarmi…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...